Stefano Bottoni nasce a Ferrara, dopo il diploma presso l’Istituto d’Arte Dosso Dossi di Ferrara e l’Accademia di Belle Arti di Bologna – sezione scultura sotto la guida di Quinto Ghermandi , prosegue la storica attività di famiglia nel campo dell’artigianato artistico – ferro battuto e nel 1983 è il l’ideatore del Premio Willaert dedicato ai giovani musicisti di Ferrara. Nel 1987 è il fondatore del Ferrara Buskers Festival, che si afferma in tutto il mondo come la più importante manifestazione dedicata ai musicisti di strada, proponendo per la prima volta un format innovativo e imitato in tante città europee. E’ nel 2003 che da un dono da parte del Sindaco di Praga Vladimir Vihan e dalla collaborazione di Augusta Rabuiti del Comune di Ferrara, nasce il Progetto Museo Internazionale delle Ghise – International Manhole Cover Museum. Progetto nato inizialmente come forma di documentazione fotografica, sulle grafiche dei tombini, realizzato nel corso delle trasferte di Bottoni in qualità di direttore artistico alla ricerca dei gruppi musicali da invitare al festival e trasformato a seguire in vero e proprio contenitore sulla storia delle città, da Roma ad Helsinki dall’Havana a Siviglia, che tutt’ora continua grazie alle donazioni dei tombini – manhole cover da parte dei sindaci delle città e che dal MIT di Boston è ritenuto unico al mondo per tipologia culturale.